Salta al contenuto

Questo è Facebook in tutto è gloria

Un bizzarro sondaggio su Facebook chiede agli utenti se perdonano la pedofilia

Sì, questo è il titolo. Standard della community di Facebook che supportano effettivamente la pedofilia. Ora quanti ne hai avviati perché non hai seguito gli standard della loro comunità. In altre parole, hai dei veri standard comunitari. Non c'è da stupirsi che il mondo stia andando giù per il mondo e velocemente? Dove diavolo sono i nostri legislatori? ok, questo articolo è marzo 2018…..

Potresti voler leggere della moglie di Mark Zuckerberg – questo spiegherà tutto – Leggi qui

Poi c'è Pizzagate, come disgustoso all'estremo – leggilo qui Pizza Gate
facebook-pedofilo-sondaggio

Facebook è sotto accusa per aver pubblicato un sondaggio da brividi allo stomaco che ha chiesto agli utenti se i pedofili dovrebbero essere autorizzati a sollecitare "foto sessuali" da ragazze minorenni.

Lo scrupoloso sondaggio è emerso nella parte superiore della home page di Facebook per un numero non specificato di utenti lo scorso fine settimana, secondo un rapporto.

"Nel pensare a un mondo ideale in cui è possibile impostare le politiche di Facebook, come gestiresti quanto segue: un messaggio privato in cui un uomo adulto chiede a una ragazza di 14 anni delle foto sessuali,"Si legge una domanda nel sondaggio.

Il disgustoso sondaggio a scelta multipla ha dato agli utenti la possibilità di giustificare il comportamento malato, consentendo loro di votare che il "contenuto dovrebbe essere consentito su Facebook, e non mi dispiacerebbe vederlo. "

Un altro possibile, la risposta che ha indotto la nausea è stata che "il contenuto dovrebbe essere consentito su Facebook, ma non voglio vederlo. "

Il contorto sondaggio è stato notato da un editore del Guardian, who published screenshots of it su Twitter.

"IO[S] rendendo segreto il miglior Facebook che può offrire qui?"Jonathan Haynes ha scritto mentre ha twittato la risposta" Non voglio vederlo "nel sondaggio. "Non, sai, chiamare la polizia?”

Ancora un'altra domanda incerta chiedeva agli utenti che dovevano decidere se i contenuti pedofili fossero consentiti su Facebook: gli utenti, Facebook e utenti, solo Facebook o un'entità esterna.

Di lunedi, il gigante dei social network guidato da Mark Zuckerberg ha ammesso che è stato un "errore" pubblicare il sondaggio, che sembrava suggerire che i dirigenti di Facebook stavano discutendo apertamente se consentire pedofili sul sito.

"Facciamo sondaggi per capire come la comunità pensa a come impostare le politiche,"Guy Rosen, vicepresidente di Facebook, ha dichiarato in risposta al tweet di Haynes. "Ma questo tipo di attività è e sarà sempre completamente inaccettabile su FB."

In una dichiarazione a The Post, Facebook ha affermato che il sondaggio è stato rimosso dal momento che si riferisce a "contenuti offensivi che sono già vietati su Facebook e quello [essi] non ha intenzione di permetterlo. "

“Abbiamo vietato la cura dei bambini su Facebook fin dai nostri primi giorni, non abbiamo intenzione di cambiarlo, e lavoriamo regolarmente con la polizia per garantire che chiunque venga trovato ad agire in questo modo sia assicurato alla giustizia,"Ha detto Facebook.

Non è la prima volta che il Palo Alto, Calif., la società si è trovata in acqua calda per quanto riguarda la pedofilia sulla sua piattaforma.

In 2015, The Post’s John Crudele asked Facebook to take down a pedophilia-friendly page on its network — but the company said it couldn’t because it didn’t violate its terms of service. Dopo che un utente ha iniziato un boicottaggio degli inserzionisti di Facebook, la compagnia cedette.

Facebook ha quindi firmato un accordo con il procuratore generale di New York promettendo di aiutare a sviluppare software per rilevare il problema, Crudele ha riferito.

This story originally appeared in the New York Post. https://nypost.com/2018/03/05/facebook-survey-asks-users-if-they-condone-pedophilia/

Elegge un pagliaccio e otterrai l'intero circo

Si prega di fare qualsiasi commento che si desidera fare nel forum segui questo link

politica sulla riservatezza Progettato utilizzando Magazine News Byte. Offerto da WordPress.